La parola ai lettori e agli scrittori: pensieri, riflessioni, citazioni, poesie, curiosità...

La parola ai lettori e agli scrittori: pensieri, riflessioni, citazioni, poesie, curiosità...
  •  "Fuori dal tunnel, c'è sempre una stella che aspetta solo te per poter brillare"

(maestraalexa)

 

  • "Scusa, cosa vorresti essere?" 

Potendo reincarnarmi, vorrei essere un'emozione.

(Gigi Comotti)

 

  • So che le favole non sono reali, sono solo storie da raccontare ai bambini, ma ogni tanto ho bisogno di crederci.

Ho bisogno di credere ai buoni che vincono sui malvagi, di credere 
al bacio del vero amore, come l'incantesimo più potente al mondo, di credere al supereroe che mi verrà a salvare. 
Ho bisogno di credere all'amore eterno, ai brutti e cattivi, ai buoni e bravi, ai sogni irraggiungibili, alle amicizie disinteressate di uccellini, topini e folletti.
Ho bisogno di credere al destino, alla magia, al lieto fine.
Domani penseremo ai soldi, al tempo perso in attività che odiamo, al futuro incerto, agli obiettivi difficili, al caso infame, all'amore incostante.
Domani però.
Oggi raccontiamoci una favola.

(Gigi Comotti)

 

  • Maestra

Maestra severa ci fa un po' paura,
maestra nervosa 

aria tempestosa,
maestra arrabbiata 

che brutta giornata,
maestra contenta

 nessuno si lamenta

(Annie)

 

  • Un genitore su sei non legge la favola della "buonanotte" ai propri figli. E' quanto afferma un recente studio della casa editrice inglese Pearson, secondo cui i bambini hanno altri interessi, a cominciare dalla tecnologia (cioè l'uso di Internet e dei giochi sul pc ), i videogiochi e la televisione.

Sviluppando invece nei bambini l’interesse per la lettura, i genitori potranno aiutare i propri figli ad ottenere risultati migliori a scuola.

(Web)

 

  • La neve e il suo magnifico silenzio. Non ce n’è un altro che valga il nome di silenzio, oltre quello della neve sul tetto e sulla terra.


- Erri De Luca - "Il peso della farfalla"

 

  • “Nessuno è perfetto, ma ognuno è unico: questo rende prezioso il dono della nostra esistenza, perché nessuno potrà donare al mondo quello che portiamo noi. E ogni anno la primavera torna, per quanto l’inverno sia stato lungo e rigido. C’è una perfezione nel mondo, assoluta, così come c’è dentro di noi. Non si bussa alle porte, si aprono da sole se l’energia che si è impegnata è quella che poi permette il raccolto! La prossima volta che ti ritrovi a camminare per strada, anche se sei vestito in giacca e cravatta o hai i tacchi a spillo, prova a saltellare come fanno i bambini per qualche passo. Già all’idea ti vergogni? Devi aver avuto ben nascosto il tuo bimbo interiore per giudicarlo subito con un: “Questo non si deve fare!”. Ricontatta il bambino che c’è dentro di te e dedicagli due saltelli: ti ritroverai a sorridere e la tua innocenza sorriderà con te. Esprimiti liberamente nel tuo sentire, non aver paura di ciò che senti, anzi, tutto ciò che non esprimi può diventare risentimento verso te stesso, gli altri e il mondo".

(Web)

 

  • I piccoli gesti di gentilezza sono doni così dolci e delicati che cadono come minuscoli semi sul nostro cammino...e lo allietano con fiori meravigliosi.
(Nonna Ines)

 

  •  Ma più di tutto, ho un debole per chi mi prende per mano !!!

(Gigi Comotti)

http://www.google.it/imgres?

 

  • "L'ironia mi afferrò la mano destra, la fantasia la mano sinistra.
    Mi salvarono la vita".

                                                                (Michelangelo Da Pisa)

 

 


Contatti

Alessandra Barbuta

Su Facebook: maestraalexa


http://youtu.be/DiDeHAdT3IQ